Il Naturalismo è una corrente letteraria nata in Francia tra il 1870 e il 1890. Agli inizi, si confonde con il realismo. Sotto la spinta del Positivismo comtiano e del culto per le scienze esatte, il Naturalismo: sottolinea il dominio del vero; fa propri i dati della scienza biologica e sociologica e si propone scopi di progresso sociale e umano.

Il Verismo prende spunto dal Naturalismo, in particolare dal contributo offerto da Émile Zola, il quale si propone di osservare la realtà così come si presenta e descrivere le condizioni della popolazione parigina che vive il momento dello sviluppo industriale. Lo scopo è quello di rappresentare i disagi, i malesseri, i problemi dovuti all’industrializzazione, i quali possono essere risolti attraverso la loro dichiarazione; Zola e gli altri autori vogliono aprire gli occhi del lettore, compiendo un’analisi lucida, impersonale, quasi medica della società per curare i mali in modo oggettivo. La matrice filosofica alle spalle del Naturalismo è il Positivismo, il quale credeva nella possibilità di miglioramento delle condizioni di vita del periodo.

In Italia, nella seconda metà dell’Ottocento, non si può ancora fare riferimento ad un’industrializzazione diffusa e quindi al disagio delle masse urbane che aveva già travolto la popolazione di Londra e Parigi. Nelle campagne, del Meridione in particolare, però vi sono masse di contadini che vivono in situazioni simili a quelle delle masse operaie.

Anche i veristi, come i naturalisti, credono che questa povertà, anche spirituale, debba essere conosciuta: la differenza sta nella scarsa fiducia dei primi in un cambiamento poiché la realtà è difficilmente modificabile e un possibile progresso non migliorerebbe la situazione. Lo stile è impersonale sia per i naturalisti che per i veristi.

in Italia, il Verismo non costituisce un movimento o una scuola, ma designa una letteratura che intende accostarsi alla realtà nella sua semplice e nuda evidenza e raccoglie al suo interno dei testi, in particolare quelli scritti da Giovanni Verga, Luigi Capuana e Federico De Roberto.

Per approfondire 📌

Written by Charlotte Gandi

| Insegnante di Lettere | Comunicatrice | Creatrice di Contenuti Mi trovate tra le pagine di questo blog, immersa tra le parole dei letterati, ma anche ogni settimana su Youtube con una nuova video-lezione di Letteratura 📌

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: