Datata 19 gennaio 1881, funge da Prefazione all’intero Ciclo dei Vinti. Questo è un documento teorico in cui l’autore spiega l’intero ciclo.

Nella Prefazione ai Malavoglia, Verga afferma che la narrazione è  frutto di uno «studio sincero e spassionato», è quindi un’analisi scientifica della realtà in cui l’autore espone i fatti dall’esterno, senza partecipazione emotiva. In un altro passo è contenuta la teoria dei livelli sociologico-espressivi secondo cui ogni ambiente sociale richiede un approccio diverso da parte dell’artista e una soluzione stilistica precisa. Infine Verga conclude che «chi osserva questo spettacolo non ha il diritto di giudicarlo», ribadendo la sua adesione al canone dell’impersonalità. Questo «studio» è concentrato sul modo in cui nasce, tra le classi sociali più umili, il desiderio di ottenere il meglio, l’ansia di migliorare la propria condizione attraverso cose che non si hanno o che non si conoscono e quindi anche forti irrequietezze per un sempre maggiore benessere materiale. Questa condizione crea progresso e, specialmente nelle classi sociali più basse («basse sfere»), sviluppa un comportamento guidato dalla logica delle cause e degli effetti che regolano le passioni. Al crescere di questa ricerca del meglio e del proporsi mete sempre più elevate, aumenta a sua volta il prestigio sociale che porta ad uno spostamento alla classe migliore.

Nei Malavoglia emerge il tema della ricerca dei bisogni materiali, mentre in Mastro Don Gesualdo quello dell’ avidità di ricchezze, nella Duchessa di Leyra della vanità aristocratica, nell’Onorevole Scipioni  dell’ambizione infine nell’Uomo di Lusso tutte le ambizioni e i desideri messi insieme. Questi sono i cinque titoli dei romanzi del Ciclo dei Vinti con cui Verga voleva analizzare le differenze tra le varie classi sociali nella ricerca del meglio.

Passando alle classi sociali più elevate ci si accorge che tipi umani e linguaggi diventano sempre più sofisticati. L’educazione e la civiltà allontanano l’uomo dalla sua vera natura, rendendolo più artificiale e stereotipato. Allo stesso modo il linguaggio, che viene formalmente molto curato, rappresenta il mezzo con il quale nascondere il conformismo di idee e sentimenti della gente comune.

Per rappresentare in modo esatto questa analisi è importante che lo scrittore utilizzi una forma, stile e linguaggio, adatta al contenuto e che i contenuti stessi siano inscindibili dall’insieme.

Nella strada per raggiungere il progresso svaniscono tutte le avidità e i vizi: gli effetti positivi del progresso coprono i lati oscuri presenti negli interessi individuali che portano al progresso stesso. Gli individui, comportandosi egoisticamente, aiutano inconsciamente al benessere della collettività.

Solo l’autore, che è neutrale, ha il diritto di interessarsi ai più deboli e ai vinti; in realtà, però, anch’egli è inserito nel flusso del progresso. Questi sono i Malavoglia, Mastro don Gesualdo, la Duchessa di Leyra, l’Onorevole Scipioni e l’Uomo di Lusso, vinti dalla ricerca di ciò che non si conosce (l’ignoto) che li porta alla rovina:

  • Padron ‘Ntoni è l’umile pescatore,
  • Gesualdo è il manovale arricchito,
  • La Duchessa di Leyra è l’intrusa nelle altre classi, perché figlia di un muratore ma ha sposato un aristocratico,
  • L’uomo d’ingegno è l’Onorevole Scipioni, che avrebbe dovuto essere un uomo politico deputato al parlamento e ottenere il riconoscimento negatogli alla nascita perché nato da una relazione prematrimoniale,
  • L’artista è l’Uomo di Lusso.

Il motivo conduttore del ciclo di romanzi è la lotta per l’esistenza, tema che Verga riprende dal Positivismo e dal darwinismo sociale; l’autore coglie gli aspetti problematici dello sviluppo e i costi umani che comporta. Lo stimolo al progresso della società è il risultato di meccanismi deterministici, di forze naturali, istintive e fatali. Il progresso porta ad alte conquiste, ma dal punto di vista dei vinti, mostra i risvolti negativi del suo «cammino fatale» e la brutalità della lotta per la vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: